a

Le notizie (che non debbono mai mancare), gli approfondimenti, le storie, i pareri, l'interazione.

Giornalista sportivo - sempre meglio che lavorare.

Eziolino ed io, storie di campo

Eziolino era lì il giorno del mio “esordio” – io “ inviato” a Pozzuoli per Puteolana-Taranto da Tuttalac.it e lui sulla panchina granata. Al Conte lo idolatravano (come poi allo Iacovone, guarda caso) ed in effetti anche quel giorno la incartò al rivale, la buonanima di Sergio Buso. L’avvocato Maglione – allora dirigente del Taranto – era furente per quella sconfitta, Eziolino muoveva le mani a modo suo per spiegare le mosse con le quali aveva vinto la partita (2-1, Vitali per gli ospiti e poi Fioravanti e Toledo per i locali).

 

Da allora Eziolino l’ho incontrato ovunque, campi di allenamento (compreso quello di Sora prima di sfidare il Napoli), campi di gioco e tribune televisive. Capisce di calcio e di calciatori, sa il suo mestiere ma spesso esagera nelle dichiarazioni e negli atteggiamenti. A Castellammare l’abbiamo visto danzare negli uffici della società e saltare sulle auto dopo un derby vinto che si giocava a porte chiuse. Io l’ho incontrato pure ad Altamura, la città del pane, quando con una banda di ragazzotti costrinse il Savoia per il quale lavoravo da ufficio stampa ad un clamoroso 0-0. Poi andammo in panetteria e fu spettacolo, ma questo non lo posso raccontare!!! Da ieri guida l’Avellino, è un vecchio lupo…di mare e gli tocca portare la barca a riva.

Vuoi ricevere gli ultimi articoli direttamente sul tuo smartphone? Fai click sull’icona ed iscriviti al mio canale Telegram!

Ed ora… dì la tua nei commenti!

Commenti
Condividi su:
COMMENTA PER PRIMO!

Sorry, the comment form is closed at this time.